Warning: preg_match(): Compilation failed: nothing to repeat at offset 1 in /web/htdocs/giustizia.confintesafp.it/home/wordpress/wp-includes/class-wp.php on line 222

Warning: preg_match(): Compilation failed: nothing to repeat at offset 1 in /web/htdocs/giustizia.confintesafp.it/home/wordpress/wp-includes/class-wp.php on line 223
News – Coordinamento Giustizia – Confintesa Funzione Pubblica

News

Congedo retribuito per assistenza a familiari affetti da handicap grave

Il 9 agosto arrivano le istruzioni del Ministero della Giustizia a seguito della Sentenza della Corte Costituzionale 232/2018.

m_dg.DOG.09-08-2019.0150528.U

GIRA LA RUOTA… è la volta del concorso per funzionari

O i lavoratori (e noi) sono eternamente insoddisfatti o le azioni, atti, documenti, procedure dell’Amministrazione puntano sulle nuove assunzioni sempre dimenticando il personale interno.

Ma la ruota gira, chi è oggi esterno un domani subirà (e capirà) le stesse attese frustanti che oggi (e da tanto tempo) attanagliano il personale interno.

Accordi non rispettati (il più grave quello della mobilità e del passaggio di area degli ausiliari), disposizioni contrattuali mai applicate (banca ore e posizioni organizzative per dirne solo due ma sono molte di più), protocolli di intesa parzialmente osservati, leggi non applicate (procedure di passaggio di area per i profili tecnici) … tutto questo comporta, nel Ministero della Giustizia che quello che era una latente insoddisfazione oggi, a distanza di anni e di eventi, diventa una frustrazione cronica. Quel che è più grave è che non è un singolo episodio ma episodi che si rincorrono e si ripetono ed è il motivo per cui i lavoratori devono capire (dovrebbero) che è inutile farsi la guerra perché è perdente e che bisogna solidarizzare anche quando i propri   personali interessi sono sacrificati a vantaggio di altri.

L’ultimo caso è quello del Concorso per Funzionari Giudiziari. Non chiediamo agevolazioni per il personale interno ma neanche che sia penalizzato.

Ed invece al personale interno (in possesso dei titoli di studio) che ha deciso di partecipare come “esterno” non viene riconosciuto lo stesso punteggio di coloro che hanno svolto, con esito positivo, l’ulteriore periodo di perfezionamento nell’ufficio per il processo, lo stage presso gli uffici giudiziari e che hanno completato il tirocinio formativo presso gli uffici giudiziari.

Che dire che ai nuovi funzionari è richiesto di conoscere l’ ordinamento penitenziario e non anche i servizi di cancelleria? Un errore o una precisa scelta?

E vogliamo parlare degli effetti delle nuove assunzioni se fatte prima dello scorrimento della graduatoria del 21 quater o prima delle procedure di mobilità?

La nostra Federazione aveva chiesto tempo fa, e l’ha ribadito, l’immediato scorrimento della graduatoria, l’avvio delle procedure di mobilità e delle procedure per il passaggio del personale “tecnico” nella III area.

Abbiamo condiviso con l’Amministrazione (e con altre 4 OO.SS) il protocollo di intesa sottoscritto il 26 aprile 2017, ne abbiamo sollecitato con ogni mezzo la piena applicazione, abbiamo cercato soluzioni in ogni occasione utile ma ci viene in mente Demostene … “anche sorgenti e pozzi si esauriscono quando si attinge troppo e troppo spesso da loro”.

 

Segretario Generale

(Claudia Ratti)

Mettiamo a disposizione:

  1. Flash n 27 – GIRA LA RUOTA 
  2. Prot 39 – 2019 – CONCORSO FUNZIONARI – Osservazioni 
  3. Ricevuta consegna PEC -Prot 39 -2019 -Governo
  4. Ricevuta consegna PEC- Prot 39-2019- Capodipartimento DOG
  5. Ricevuta consegna PEC- Prot 39-2019-DG personale DOG
  6. Ricevuta PEC- Prot 39-2019-Gabinetto Ministro

FUA 2018 firmata la pre-intesa…senza Confintesa FP

Rinnovato il “rito” della firma del FUA, con qualche “piccola” differenza rispetto alle precedenti. Va innanzi tutto detto che si tratta di una ipotesi di accordo che farà il consueto giro presso gli organi di controllo e che svolgerà i suoi effetti dopo la firma definitiva, prevista per l’autunno.

Confintesa FP ha deciso di non sottoscrivere l’ipotesi ma si è riservata, eventualmente, di firmare l’accordo definitivo se nel frattempo l’Amministrazione dovesse avviare un confronto sul FUA 2019 affrontando (risolvendole) delle problematiche da anni sollevate dalla nostra O.S., le note a verbale ripetutamente inserite negli anni non bastano più.

È diventato non più rinviabile il problema della contrattazione del personale della DGSIA e dei CISIA, da troppi anni senza patria. Una contrattazione inesistente perché troppo complicata da farsi, così com’è. Una regola nata male e continuata peggio, gli unici a subirne i danni, da troppo tempo è il personale DGSIA e CISIA.

Non possiamo poi dimenticare la mancata previsione, ancora una volta, delle posizioni organizzative. Un prospetto con la comparazione delle posizioni organizzative in tutti i Dipartimenti che stride e grida vendetta  per l’assenza delle P.O. nel Dipartimento più grande, il DOG, Posizioni Organizzative previste, lo ricordiamo, negli artt.18 e 19 del CCNL comparto Ministeri sottoscritto 16/2/1999… vent’anni fa!

Se una settimana è stata sufficiente per convincere, con pochi spiccioli, la triplice a sottoscrivere un accordo, lo è stata anche per convincere noi a non sottoscrivere ulteriori accordi “in urgenza” perché, in questo caso, è tutto prevedibilissimo con un po’ di buona volontà e di programmazione.

Buone notizie, pare, su altri fronti, in particolare:

  • si attende a breve il bando di concorso per ausiliari
  • entro la fine di luglio verrà pubblicato il bando per 2.250 posti di funzionario giudiziario
  • gli idonei del 21 quater saranno “promossi” prima dell’espletamento del concorso esterno
  • a settembre 2019 verrà riaperta la discussione sull’accordo di mobilità e sviluppi giuridici
  • “imminente” la conclusione dell’interpello per l’emergenza barese
  • entro l’anno verranno coperti tutti i posti del profilo di assistente giudiziario, scorrendo la graduatoria
  • a breve saranno assunti tecnici, architetti, geometri e contabili
  • previsto per Aprile 2020 un concorso per 2700 cancellieri e 400 Direttori Ammnistrativi.

Per ora è tutto …

Flash n. 26 FUA 2018

LA PERFORMANCE PRENDE FORMA

19th Lug
2019
Non Attivo

Gradualmente negli uffici giudiziari si stanno rivelando le fattezze di ciò che, tempo fa, abbiamo definito un “fantasma”, ovvero il nuovo “Sistema di misurazione e valutazione della performance” (SMVP), diffuso con una nota del 21/05/18.

Ebbene il “fantasma”, anche con i nostri solleciti, sta prendendo gradualmente corpo ed è stato “presentato” il 27/03/19 agli Uffici giudiziari con un ritardo di quasi un anno con una circolare “sintetica”.

 

Auspichiamo che ogni dipendente abbia ricevuto:

  •  preventivamente, uno o più obiettivi per la propria attività ordinaria attraverso gli atti di programmazione degli uffici giudiziari;
  • la prima scheda per la valutazione dei risultati (da sottoscrivere per accettazione);
  •  adeguata informazione sulla seconda scheda, sui fattori e criteri di valutazione dei “comportamenti organizzativi”.

Ci chiediamo se questa attività informativa “obbligatoria” sia stata effettuata in tutti gli uffici perché, in mancanza, ci troveremmo di fronte a procedure irregolari, con un potenziale danno per il personale che nel 2019 verrebbe privato di un’idonea valutazione individuale.

Ricordiamo, ma già tutti lo sanno, gli importanti riflessi economici della valutazione individuale, strettamente collegata ai “premi” ed alle progressioni economiche (pensiamo all’art. 23 co. 2 D.lgs. 150/09, agli artt. 77 co.2 lett. b e 78 del Ccnl 12/02/18 Comparto Funzioni Centrali ed infine alle Linee Guida della Funzione Pubblica n. 2/2017 per il SMVP dei Ministeri).

È opportuno infine evidenziare che se da un lato è riconosciuto ai direttori e funzionari un importante e delicato ruolo nella fase istruttoria del processo valutativo (anche mediante colloqui con i dipendenti) con specifiche competenze relazionali, di comunicazione, osservazione e monitoraggio, dall’altro lato va rilevato che l’azione formativa attivata, in tutti i distretti, dalla Direzione Generale del personale spesso non ha coinvolto i “valutatori”.

Riteniamo pertanto doverosa sia una nuova fase di formazione per tutti i “valutatori” che per tutto il personale che ha il diritto di essere adeguatamente informato.

Flash. n. 25 – La performance prende forma

Ventata di aria fresca negli uffici giudiziari di Bari: chi la dura la vince!

17th Lug
2019
Non Attivo

Quando parliamo di ventata di aria fresca, lo facciamo nel vero senso della parola.

Abbiamo il piacere di informarvi che in data 15/07/19, la Conferenza Permanente presso la Corte d’Appello di Bari, in seduta plenaria, a seguito della nota di Confintesa FP, a firma del Segretario Regionale, relativa al malfunzionamento dell’impianto di condizionamento degli Uffici del Palazzo di Piazza De Nicola, ha disposto che si proceda ad un ulteriore intervento manutentivo, nonché all’acquisto immediato di condizionatori portatili per le stanze dei colleghi disagiati. 

Analogo esito positivo si segnala presso l’ Ufficio del Giudice di Pace di Bari, dove l’iniziativa di Confintesa FP della raccolta firme dei dipendenti, ha analogamente ottenuto effetti positivi.

Visto il successo delle nostre  battaglie, non possiamo far altro che invitare il personale di altre Amministrazioni ugualmente in difficoltà a fare altrettanto ed a sottoscrivere i moduli raccolta firme per lamentare nei propri uffici il malfunzionamento dell’ impianto di condizionamento.

Ringraziamo tutti i colleghi per aver creduto in noi ed aver dato il loro piccolo contributo con il passaparola od anche con la sola firma di sostegno. E’ sicuro che l’unione fa la forza.

Alleghiamo: nota di Confintesa del 12/07/19; determina di accoglimento della Conferenza Permanente del 15/07/19; moduli raccolta firme Amministrazioni.

Flash 24-19 _Ventata di aria fresca negli uffici giudiziari di Bari chi la dura la vince!_

Nota Confintesafp alla Conferenza Permanente

Determina Conferenza Permanente Bari

MODULI RACCOLTA FIRME emergenza caldo Amministrazioni

                                                                                                                                                                                                                         Il Segretario Generale Regionale

                                                                                                                                                                                                                                           (Maria Pia Erriquez)

PUBBLICATE LE GRADUATORIE DELL’INTERPELLO STRAORDINARIO PER IL PROFILO DI ASSISTENTE GIUDIZIARIO

Il Ministero della Giustizia ha appena reso noto che sono disponibili  le graduatorie dell’interpello nazionale straordinario per il profilo di Assistente Giudiziario. Per visionarle  è  necessario collegarsi al sito istituzionale ed entrare nella sezione riservata, denominata “Intranet”. Il personale utilmente collocato in graduatoria  e destinatario della proposta di trasferimento dovrà comunicare l’accettazione ovvero la revoca entro il termine del 12 luglio.

https://www.gnewsonline.it/assistenti-giudiziari-pubblicate-le-graduatorie-per-mobilita-interna/

 

 

APERTURA STANZA SINDACALE – DAP DI BARI

27th Giu
2019
Non Attivo

Abbiamo il piacere di informare tutti i colleghi che a partire da giovedì 27 giugno i nostri dirigenti sindacali saranno a vostra disposizione presso la stanza sindacale ubicata in Bari presso la Direzione Casa Circondariale “Francesco Rucci”, Palazzina Area Trattamentale, Corso A. De Gasperi n.307, previo appuntamento a fissarsi via mail e-mail: b.basta@confintesafp.it o via wathsapp al numero 3515895214.

                                                                                                                                                                                                             Il Segretario Generale Regionale

                                                                                                                                                                                                                              (Maria Pia Erriquez)

 

Flash 23 – Apertura stanza sindacale presso il DAP di BARI                                                                                                                                                                                                 

Le nostre osservazioni al Piano Triennale dei Fabbisogni 2019-2021

25th Giu
2019
Non Attivo

Abbiamo ricevuto ed esaminato il piano triennale dei fabbisogni di personale 2019–2021 del Ministero della Giustizia e, nonostante sia oramai una mera informativa, riteniamo comunque doveroso sottolineare che nonostante in ogni riunione tra Amministrazione ed OO.SS., la scrivente abbia puntualmente inviato contributi e richieste (da ultimo le note prot.12/2019 e prot.17/2019) spiace constatare la totale indifferenza dell’Amministrazione nei confronti dei diritti e delle aspettative legittime dei lavoratori che chiedono il pieno rispetto dell’accordo sulla mobilità, le progressioni economiche, i passaggi di area ed il miglioramento delle condizioni lavorative.

Oltre tutto questo la scrivente O.S. si associa al coro di richieste per le nuove assunzioni di personale, indispensabile per spingere la “macchina della Giustizia”.

Premesso tutto questo osserviamo, anche questa volta, che:

  1. L’assunzione di Operatori Giudiziari, Area II, F1, mediante chiamata diretta degli iscritti nelle liste di collocamento (con attribuzione di punteggio aggiuntivo in favore dei soggetti che hanno maturato i titoli di preferenza di cui all’art. 50, commi 1-quater e 1-quinquies, del D.L. 90/2014) avverrà a discapito degli odierni Ausiliari, relegati da sempre in I AREA, ancora in attesa di una riqualificazione promessa da tanti, troppi anni e che riguarderà solamente 300 persone a dimostrazione, per l’ennesima volta, di una mancanza da parte dell’Amministrazione di un giusto riconoscimento per la professionalità acquisita negli anni di servizio prestato.
  2. Riteniamo che se si fosse applicata la parte dell’accordo del 26 aprile 2017 sul passaggio degli Operatori Giudiziari con almeno 7 anni di anzianità nel profilo di Assistente si sarebbero potute ottenere maggiori vacanze da coprire nel profilo tramite piano assunzionale. (vedi infra p. 6)
  3. Nulla è stato, impropriamente, programmato circa le procedure di riqualificazione dei profili tecnici. Ricordiamo a noi stessi che l’art 21 quater della L. 132/15 così come modificato dalla L. 205/2017 ha espressamente previsto l’estensione della procedura, inizialmente riservata ai Cancellieri e agli assistenti UNEP, ai contabili, agli assistenti informatici e di assistenti E a partire dal 2017 l’amministrazione ha comunque provveduto a reclutare personale dall’esterno nelle qualifiche di funzionario informatico e funzionario contabile, lasciando ancora più insoddisfatte e demotivate le professionalità escluse dalla procedura.
  4. In merito allo scorrimento della graduatoria 21 quater si sottolinea come l’eventuale scorrimento solo al termine delle procedure di reclutamento previste nel piano dei fabbisogni di 2250 funzionari giudiziari, costituirebbe un pregiudizio per il cancellieri della graduatoria 21 quater che paradossalmente, se riqualificati dopo l’assunzione degli esterni, avrebbero una anzianità di servizio nella funzione inferiore ai nuovi assunti (ai quali molto probabilmente dovranno anche fare da formatori), ciò in evidente contrasto con l’obiettivo manifestato più volte dal Ministro di premiare le professionalità interne.
  5. Leggiamo la previsione di assunzione di Cancellieri Esperti senza che si faccia menzione alla possibilità prevista sempre dall’accordo del 26 aprile 2017 del passaggio in questo profilo per gli assistenti giudiziari con almeno 7 anni di anzianità.
  6. Per quanto concerne la mobilità interna facciamo presente che la clausola contenuta dall’art 1 comma 2 septies D.L. 116/2017 per cui “Le medesime procedure hanno carattere prioritario su ogni altra procedura  di  trasferimento  all’interno  dell’Amministrazione della giustizia in deroga  alle  clausole  dei  contratti  o  accordi collettivi  nazionali”  troverebbe applicazione solo ed esclusivamente per le procedure assunzionali previste nell’art 1 comma 307 n.145/2018 e non per quelle previste in applicazione del D.L. n.4/2019 ovvero da quelle consentite dalle facoltà assunzionali ordinarie.

Si fa presente peraltro che tale deroga riguarderebbe in particolare solo le assunzioni previste nel 2019  dei 903 assistenti giudiziari per scorrimento graduatoria in base alla disposizione sopra citata, in quanto per le assunzioni da effettuarsi 2020 2021 non vi sarebbe sovrapposizione temporale fra la procedura di mobilità e quella assunzionale.

Si richiede pertanto l’attivazione immediata delle procedure di mobilità interna di cui all’Accordo del 2007.

  1. Coerentemente con quanto sopra esposto riteniamo indispensabile, prodromicamente alla attivazione delle procedure assunzionali, dare piena attuazione ai passaggi giuridici previsti dall’art. 2 di tale accordo, in particolare “Nel profilo di operatore giudiziario potranno confluire i conducenti di automezzi con le modalità e nei limiti delle consistenze numeriche da determinarsi ai sensi dei articoli 4 e 5, mantenendo la fascia retributiva acquisita. Nel profilo di assistente giudiziario potranno confluire gli operatori giudiziari con più di 7 anni di servizio nel relativo profilo, nelle modalità e nei limiti delle consistenze numeriche indicate ai sensi dei successivi articoli 4 e 5. In detto profilo le parti ricordano che saranno altresì inquadrati, come previsto nel relativo bando, i vincitori del concorso pubblico a 800 posti per il profilo professionale di Assistente giudiziario, pubblicato nella Gazzetta Ufficiale, 4^ Serie Speciale “Concorsi ed Esami”, del 22 novembre 2016, n. 92. Il profilo professionale di “Cancelliere” viene ridenominato “Cancelliere esperto”. In tale profilo professionale le parti convengono che confluirà tutto il personale in servizio nel profilo di Cancelliere. Potranno altresì confluire gli assistenti giudiziari con più di 7 anni di servizio nella relativa qualifica, con le modalità e nei limiti delle consistenze numeriche da determinarsi ai sensi dei successivi articoli 4 e 5.”

Ciò anche al fine di consentire la corretta quantificazione dei fabbisogni relativi ai profili interessati.

  1. La nostra O.S. non può non sottolineare, infine, come le ricadute del piano dei fabbisogni così come sopra evidenziate ineriscano al tema più ampio del benessere organizzativo. In tal senso in un’ottica di collaborazione e dialogo tra Amministrazione e Organizzazioni sindacali si chiede la costituzione dell’Organismo Paritetico per l’Innovazione previsto dall’art. 6 del C.C.N.L. Funzioni centrali triennio 2016 – 2018″, il quale, come recita lo stesso articolo, “realizza una modalità relazionale finalizzata al coinvolgimento partecipativo delle organizzazioni sindacali di cui all’Art. 7, comma 3 su tutto ciò che abbia una dimensione progettuale, complessa e sperimentale, di carattere organizzativo dell’Amministrazione”. L’Organismo Paritetico per l’Innovazione ha la finalità di attivare stabilmente relazioni aperte e collaborative su progetti di organizzazione e innovazione, miglioramento dei servizi, promozione della legalità, della qualità del lavoro e del benessere organizzativo – anche con riferimento alle politiche formative, al lavoro agile e alla conciliazione dei tempi di vita e di lavoro, alle misure di prevenzione dello stress lavoro-correlato. Si fa presente inoltre come lo stesso organismo paritetico sia titolare del diritto all’informativa sugli andamenti occupazionali.

                                                                                                    ***********

Concludendo dobbiamo constatare che alle pubbliche rassicurazioni e ai bei discorsi sentiti non è seguito nulla di concreto a favore del personale in servizio mentre in altre Pubbliche Amministrazioni o addirittura negli altri Dipartimenti di codesta Amministrazione abbiamo partecipato a contrattazioni e sottoscritto accordi premianti per chi ha permesso alla “macchina” di andare avanti finora.

Il Segretario Generale

Claudia Ratti

Protocllo n. 28

 

APERTURA STANZA SINDACALE A TARANTO

19th Giu
2019
Non Attivo

Abbiamo il piacere di informare tutti i colleghi, iscritti e non, che a partire da venerdì 28 giugno una nostra dirigente sindacale, Dott.ssa Barbara Basta, sarà a vostra disposizione presso la stanza sindacale ubicata a piano terra presso il Tribunale per i Minorenni di Taranto, in Piazza Duomo n.1, previo appuntamento a fissarsi via mail e-mail: b.basta@confintesafp.it o via wathsapp al numero 3515895214.

                                                                                                                                                                                                                                                   Il Segretario Generale Regionale

                                                                                                                                                                                                                                                                     (Maria Pia Erriquez)    

Flash 22 – Apertura stanza sindacale TARANTO                                                                                                                                                                                                        

1 2 3 67